La Rotonda di via Besana - Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Rotonda di via Besana

Il Palazzo di Giustizia

Sulla cerchia dei bastioni spagnoli che da porta Vittoria si snoda verso porta Romana, prendendo il nome di viale Regina Margherita, si incontra, ben presto, un edificio di forma circolare, in mattoni, che i milanesi conoscono come Rotonda di via Besana o Foppone dell'Ospedale. Costruito, infatti, inforno al 1695 come luogo di sepoltura dei morti della Ca' Granda, esso presenta una forma singolare a portico con la chiesa al centro - folta all'interno di colonne e intreccio di archi - opera di Attilio Arrigoni, Francesco Croce e Carlo Francesco Raffagno. Sotto la pavimentazione del portico che circonda la chiesa si trovano cripte assai profonde, nelle quali furono radunati e poi murati i morti - che raggiunsero il numero di centocinquantamila - fino al 1782. Ma soltanto ai primi del Novecento si riuscì a sgomberare e depurare il luogo. La Rotonda ebbe anche altri usi: fu ospedale di isolamento per malati contagiosi, tanto che nel 1870-71, durante l'epidemia di vaiolo, vi furono ricoverati circa cinquemila ammalati; agli inizi del XX secolo venne poi trasformata in lavanderia dell'Ospedale e tale rimase fino al 1940. Intorno agli anni sessanta, per iniziativa dell'amministrazione comunale, la parte esterna della Rotonda venne adibita a parco pubblico e l'interno della chiesa divenne centro di manifestazioni culturali e artistiche.

Ultimo aggiornamento 22 febbraio 2017
Torna ai contenuti | Torna al menu